Storia delle Nike Air Jordan negli anni


Jordans

Ti fanno credere di poter volare. Ma conoscete la storia di questo marchio oggi così importante? Come hanno fatto a diventare le scarpe iconiche che hanno la maggior parte delle reincarnazioni fino ad oggi?

Nike  nel 1984 stava vivendo un momento molto difficile in quanto dopo la mania del jogging si preferiva indossare le scarpe basse. Le vendite di scarpe stavano lentamente affondando.

Nike aveva bisogno di un altro mercato di nicchia. Fu così che decise di puntare su  un nuovo giocatore di basket che stava cominciando a diventare popolare con i tifosi più giovani. Michael Jordan era una macchina da canestro per i Chicago Bulls .

Dopo mota fatica per convicere il suo manager, David Falk, i suoi genitori, e la società stessa Nike, il rookie riluttante volò al quartier generale dell’azienda a Portland, Oregon per ascoltare e pensare la loro proposta. Non sembrava molto interessato al video di presentazione e neanche alle  scarpe che Peter Moore aveva progettato per lui, ma dopo il loro incontro, fu “affare fatto”.

Michael "Air" Jordan himself, holding the 23rd Air Jordan ShoesA quel tempo, le scarpe da basket  erano bianche, ma Air Jordan erano nere e rosse. La NBA ha vietato queste sneakers  ma Jordan ancora le portava rischiando di incorrere in multe fino a $ 5.000 a partita! Nike volentieri ha pagato le multe per lui, mantenendo le scarpe sui piedi di  Jordan e rendendole una icone di cui parlarne. Le sue incredibili partite per i Bulls, tutte le controversie con la Lega NBA hanno trasformato queste scarpe nel must dell’anno.

Jordan ha vinto la Slam Dunk Competition 1986-1987 al Colosseo Seattle e Nike ha cambiato il logo delle scarpe con il Jumpman ormai familiare di oggi. Con il rilascio delle  Nike Air Jordan  II, l’atleta aveva intenzione di mollare la collaborazione dal momento che le vendite non erano buone e soprattutto perché erano a prezzi eccessivi.

Tinker Hatfield, un designer di Nike, ha deciso di fare qualcosa di diverso. Lui e la Giordania si unirono per disegnare una nuova sneakers, qualcosa che non era mai stato fatto prima. Il risultato fu una  scarpa con materiali di alta qualità che ha mostrato  il nuovo logo Jumpman, e una linea di abbigliamento di corrispondenza in Giordania molto in linea al modello che ha  portato delle vendite spettacolari. Questo la rese  la più grande scarpa da tennis di tutti i tempi!! Tinker ha collaborato con la Giordania su tutti i modelli fino al XV della Giordania.

Alla  Jordan da allora sono andati a produrre abbigliamento e scarpe per molte altre occasioni: scarpe moda, scarpe da ginnastica e abbigliamento casual.Hanno rilasciato il Trunner Giordano, il team Deuce-Trey, il Cue Giordania, e la Jordan Jumpman Team dell’FBI.

Nel 2005, una nuova creazione,  la “Air Jordan Dub Zeri”, con un mix di dettagli di successo dal precedente Air Jordan ed ebbe un tale successo che  il marchio ha rilasciato un’altra linea di scarpe nel 2006, e ancora una volta un cambio di colori nel 2009.

Mentre lo stesso Michael Jordan è stato il miglior promotore delle sue scarpe, il famoso regista Spike Lee ha prodotto spot pubblicitari per la Jordan ed il marchio era spesso in  evidenza in alcuni dei suoi film, come in “Do the Right Thing.”  MJ si sono visti in molti altri film popolari come il primo film di Michael “Space Jam” con i personaggi dei cartoni animati “Bugs Bunny” e  su molti spettacoli televisivi.

La sua popolarità deriva dal fatto che ogni scarpa ha un po’ di  Michael Jordan in esso. Pur mantenendo l’eccellente qualità dei materiali che egli richiede, ogni nuovo modello inserisce  un piccolo suo carattere. Qualunque cosa accadrà, Air Jordan ha già fatto molto per il mercato delle calzature da basket e ancora fare sentire i suoi effetti a lungo , proprio come l’uomo che ha dato loro il nome.

Related Posts with Thumbnails
Category: Scarpe Sneakers  Tags:

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>